Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

IMPORTANTE - Normativa sul rientro in Italia

Data:

09/07/2020


IMPORTANTE - Normativa sul rientro in Italia

Considerato l'evolversi della situazione epidemiologica in Europa, la Farnesina raccomanda a tutti i connazionali di evitare viaggi all’estero se non per ragioni strettamente necessarie. Considerato l’alto numero dei contagi in molti Paesi, non si puó escludere l'introduzione di restrizioni agli spostamenti che rischierebbero di complicare eventuali il rientro presso il proprio domicilio o residenza.

Si raccomanda di pianificare con massima attenzione ogni aspetto del viaggio, contemplando anche la possibilità di dover trascorrere un periodo aggiuntivo all’estero, nonché di dotarsi di un’assicurazione sanitaria che copra anche i rischi connessi a COVID-19.

 

Il 2 marzo 2021 il Governo italiano ha varato un DPCM in tema di spostamenti da/per l’estero, integrato successivamente dall'Ordinanza 22 ottobre 2021 e dall'Ordinanza 14 dicembre 2021. Questi provvedimenti individuano cinque elenchi di Paesi (più alcuni Paesi sottoposti a misure speciali), per i quali sono previste misure differenti sia per gli spostamenti dall’Italia che per l’ingresso/rientro in Italia.

Panama é inclusa nell’elenco E: gli spostamenti sono consentiti solo in presenza di precise motivazioni e con obbligo di isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria al rientro.

 

Il rientro in Italia per chiunque abbia soggiornato o transitato da Panama nei 14 giorni precedenti è consentito ai cittadini italiani/UE/Schengen e loro familiari, ai titolari dello status di soggiornanti di lungo periodo in Italia e loro familiari, nonché per le persone che hanno una relazione affettiva comprovata e stabile (anche se non conviventi) con cittadini italiani/UE/Schengen o con persone fisiche che siano legalmente residenti in Italia e che debbano raggiungere l’abitazione/domicilio/residenza del partner (in Italia).

E'consentito l’ingresso in Italia per atleti, tecnici, giudici e commissari di gara, rappresentanti della stampa estera e accompagnatori a competizioni sportive di livello agonistico, riconosciute di preminente interesse nazionale, come da art. 5, co. 2, lettera m) dell’Ordinanza 22 ottobre 2021.

Se non si rientra nelle categorie già citate, l’ingresso in Italia è consentito solo per motivi di lavoro, studio, salute, assoluta urgenza, rientro presso domicilio/residenza/abitazione.

 

All’ingresso/rientro in Italia da uno dei Paesi nell'elenco E (tra cui Panama) dell’allegato 20 del DPCM 2 marzo 2021, é obbligatorio sottoporsi a tampone molecolare effettuato nelle settantadue (72) ore precedenti l’ingresso in Italia, ovvero di un test antigenico condotto con tampone, effettuato nelle ventiquattro (24) ore precedenti l’ingresso in Italia. Il risultato del tampone dovrà essere esibito al vettore al momento dell'imbarco.

Inoltre, é necessariosottoporsi a 10 giorni di isolamento fiduciario, con obbligo di sottoporsi ad ulteriore test molecolare o antigenico al termine dello stesso.

Infine, l'ordinanza prevede l'obbligo, prima dell'ingresso in Italia, di compilare un modulo di localizzazione in formato digitale denominato anche digital Passenger Locator Form (dPLF), da mostrare in cartaceo o sul proprio dispositivo mobile al vettore, al momento dell’imbarco, e a chiunque sia preposto a effettuare i controlli. È opportuno essere pronti a mostrare eventuale documentazione di supporto e a rispondere a eventuali domande da parte del personale preposto ai controlli.

A tali regole sono previste deroghe, consultabili qui.

Gli spostamenti dall'Italia per Panama sono consentiti solo in presenza di precise motivazioni, quali: lavoro, motivi di salute o di studio, assoluta urgenza, rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. Non sono quindi consentiti spostamenti per turismo.

 

LE MISURE SUL TERRITORIO NAZIONALE

Sul territorio nazionale, dal 3 novembre 2020, sono in vigore misure differenziate da Regione a Regione, articolate in base a quattro fasce di rischio (bianca, gialla, arancione, rossa). L’appartenenza di una Regione a una o all’altra fascia è soggetta a revisione periodica, consultabile qui.

Le misure previste, in linea generale, per ciascuna fascia di rischio, sono contenute in un’infografica messa a disposizione sul portale www.Governo.it.

Possono essere disposte ulteriori limitazioni per specifiche aree del territorio nazionale o specifiche limitazioni in relazione alla provenienza da specifici Stati e territori esteri. Singole Regioni potrebbero imporre a chi proviene da alcuni Stati o territori esteri il rispetto di particolari obblighi. Prima di partire per rientrare in Italia, si raccomanda di verificare eventuali disposizioni aggiuntive da parte delle Regioni di destinazione, contattandole direttamente o visitandone i rispettivi siti web

Si ricorda nuovamente che chiunque entra in Italia da qualsiasi località estera è tenuto a consegnare al vettore o alle forze di polizia in caso di controlli un’apposita autodichiarazione.

Per maggiori informazioni e aggiornamenti, si invita a consultare la pagina dedicata sul sito del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e il portale Viaggiare Sicuri (www.viaggiaresicuri.it).

Sul sito della Farnesina é disponibile un questionario per chi è in partenza per l’estero o deve rientrare in Italia, basato sulla normativa italiana attualmente in vigore. Il questionario ha carattere meramente informativo, non ha valore legale e il risultato ottenuto non garantisce l’ingresso in Italia né nel Paese di destinazione.

In caso di dubbi, si raccomanda di contattare la Polizia di Frontiera, la Prefettura o l’Azienda Sanitaria competente per territorio.


420